lunedì 15 dicembre 2008

Effetto Felicità


Quando la felicità è contagiosa e abita alla porta accanto... it’s a small world...
News alert dalla Harvard Medical School per gli esiti di una ricerca della University of California, che ha coinvolto per un ventennio circa 5.000 persone tra i 21 e i 70 anni.
Secondo i ricercatori sembra dimostrato che le reti sociali vengano influenzate anche dal nostro stato di serenità, con effetti durevoli fino ad un massimo di un anno ed in misura proporzionale alla distanza geografica.
Più sei vicino alla fonte di irraggiamento, maggiori saranno i benefici che ne trarrai, con un aumentato “rischio di felicità” che sfiora il 25%...
Il nostro benessere interiore dipende dallo “stato di grazia” dei nostri amici, degli amici degli amici,persino se mai incontrati direttamente, e così via fino a 3 gradi di separazione nel network.
Ricordate la teoria dei 6 gradi di separazione tra ciascuno di noi, alla base di molti social?
In un mondo dove siamo tutti più o meno interconnessi,lo è dunque anche la nostra emozionalità.
Ed al tempo stesso godere di una qualche popolarità, sembra aumentare le nostre quote individuali di serenità.
Niente paura: le emozioni negative non sembrano propagarsi nelle reti con la stessa intensità ed ampiezza.
Insomma se da qualche tempo, ci sentiamo un po’ più felici, forse è anche merito degli amici che ci siamo scelti: ringraziamoli!
Perché la felicità ama viaggiare in buona compagnia!
Capito “Globetrotters? ;-)

martedì 9 dicembre 2008

Sulla vita

La gente vive per anni e anni, ma in realtà è solo in una piccola parte di quegli anni che vive davvero, e cioè negli anni in cui riesce a fare ciò per cui è nata. Allora, li, è felice.
Il resto del tempo, è tempo che passa ad aspettare o a ricordare.
Quando aspetti o ricordi non sei né triste né felice.
Sembri triste, ma è solo che stai aspettando, o ricordando.
Non è triste la gente che aspetta, e nemmeno quella che ricorda.
Semplicemente è lontana.

A.Baricco “Questa storia”

Ed è qualcosa da cui non puoi scappare... il mare...
Ma soprattutto il mare chiama. ... non smette mai, ti entra dentro,
ce l'hai addosso, è te che vuole.
Puoi anche far finta di niente, ma non serve, continuerà a chiamarti ...
senza spiegare nulla,senza dirti dove,
ci sarà sempre un mare, che ti chiamerà..

A.Baricco “Destino”

venerdì 28 novembre 2008

Sunset...

Per i miei momenti di nostalgia,
tramonto d'autunno in riva al mare...
(scusate la foto, è fatta col cellulare!)



venerdì 21 novembre 2008

Lucca DigitalPhotoFest

Come ogni anno Lucca ospita il DigitalPhotoFest, una manifestazione in collaborazione con il premio "World Press Photo", correlata di mostre, workshops, incontri ed eventi legati al mondo dell'arte fotografica. Dal quindici novembre all'otto dicembre 2008 i vari luoghi storici della cittadina toscana, celebreranno l'anima e il genio dei migliori fotoreporter mondiali.
In alcuni casi sarà possibile,previa iscrizione, incontrare in prima persona gli autori e farsi leggere il proprio portfolio. Un'occasione più unica che rara...
La maratona artistica ha ormai risonanza internazionale e richiama migliaia di appassionati ogni anno. Il Photo World Press viene ora allestito a Palazzo Guinigi (quello della caratteristica torre con gli alberi sulla sua sommità...), dopo vari anni a Villa Bottini già decantata come la migliore location del tour mondiale del WPP.
Ben 18 mostre,ad un prezzo ragionevole,vi attendono all’interno di una città-fortezza dall’atmosfera suggestiva.
Un luogo che trasuda storia,leggende e passioni e che per la sua aria vagamente “melanconica” ha ispirato musicisti, scrittori,artisti e registi di varie epoche.
Oggi Lucca si è guadagnata l’appellativo di capitale della fotografia, ricevendo importanti riconoscimenti internazionali per il suo impegno costante nella diffusione di questa arte.
Un’occasione per avvicinarsi ad un mondo che “parlando per immagini” sembra evocare sensazioni straordinarie nella loro semplicità ma spesso inenarrabili dall’uomo della strada.
Da grande appassionata quale sono, ritengo che un buon “cacciatore di storie” debba avere la “bellezza” nel proprio occhio unita al dono della sintesi. E ovviamente umanità al di là di ogni cosa.
“L’unica cosa che so fare, è saper affrontare un luogo camminando. Questo è ciò che fa un fotografo della strada: cammina osserva, aspetta, parla e poi guarda e aspetta ancora un po’, cercando di non perdere mai la certezza di trovare subito dietro l’angolo qualcosa di inatteso, di sconosciuto oppure il lato nascosto di cose che conosce già”.
Dalla voce di Alex Webb, grande autore americano, il 29 novembre a Lucca per ritirare il DigitalPhotoAward 2008 alla carriera.
Villa Bottini lo celebra con “Fotografie” una retrospettiva in anteprima assoluta per l’Italia e domenica 30 novembre lo vede protagonista prestigioso del workshop: “Masterclass Alex Webb e Rebecca Norris Webb”.
In contemporanea un altro workshop:“Immagine e potenzialità”,ospita il britannico Tim Hetherington, vincitore del World Press Photo of the Year, con una foto scattata il 16 settembre 2007 nell’Afghanistan orientale.
Da segnalare anche “Faces. Ritratti nella fotografia del XX secolo”, 140 opere di 17 artisti che vi allieteranno fino al 31 gennaio 2009 (unica mostra che non chiuderà a dicembre).
Circa 5.000 fotoreporters di 125 Paesi con oltre 80.000 immagini hanno partecipato quest’anno al World Press Photo, raggiungendo un nuovo record, a dimostrazione della popolarità della manifestazione.
In questo campo l’impegno civile e sociale è connotato fortemente e le varie sezioni del premio talvolta vincolano gli autori.
Al di là di premiazioni o influenze varie, io sono stata particolarmente colpita da questi scatti:
Lana Slezic, Canada Panos Pictures, 3° Premio Ritratti Reportage
Una serie di ritratti femminili di Kabul, ottenuti con messa a fuoco digitale sulla lastra di vetro all’interno di un vecchio apparecchio fotografico afgano a cassetta.
Chuck Close, Usa New York Magazine, 2° Premio Ritratti Foto singole
Ritratto di Kara Walker, artista di storie di schiavitù e guerre civili, ottenuto con la tecnica fotografica del dagherrotipo, come omaggio al lavoro della persona ritratta.
Damon Winter, Usa The New York Times, 3° Premio Natura Foto singole
Catena dei Monti Brooks,Nord Alaska.
Tema l’estrazione del petrolio in Alaska come minaccia al popolo indigeno degli Inupiat.
Dunque...se vi ho stuzzicato almeno un po’ la curiosità e, perché no, l’appetito visto che in Toscana si mangia benino, fate un giretto sul sito della mostra e del comune di Lucca e... buona gita!
P.S. Mi piacerebbe ricevere commenti da qualche "visitatore per caso"! Thks.

Elogio della Dolcezza

A grande richiesta pubblico di nuovo questo foto-post.
In tempi magri come questi, tiriamoci sù...
E poi sta arrivando una bella perturbazione "polare", dunque un po' di zucchero non guasta,vero?
Vostra DI, pseudo casalinga,affatto disperata!

mercoledì 5 novembre 2008

Arte digitale

Torino ospita l'arte contemporanea con "Contemporary".

Dall'undici al quattordici novembre questa rassegna aprirà la "9/aView Conference" per circa 30.000 appassionati di digitale, provenienti da tutta Europa.
All'evento parteciperanno più di 100 esperti di prodotti digitali del calibro di Paul Topolos, autore di Ratatouille e Wall-E e Will Wright creatore di videogames come Sim City, The Sims e Spore.

Obama, il Chiaroscuro


Good morning Mr. President!
Obama apre le porte ad una nuova era di sfide.
La battaglia per i diritti umani è sullo starter.Tifiamo per lui.
Grazie a Jeff Clark di Neoformix per il prestito e a Pandemia per avermi suggerito la visita al sito. Jeff Clark è un programmatore che si diletta con l'ASCII art.
Per questo ritratto ha usato le parole "Hope","Change"e"Yes we can".
Saranno forse le parole chiave del nostro futuro prossimo?
P.S- .Non vorrei essere fraintesa:il titolo allude alle luci e ombre del personaggio durante la battaglia elettorale.
Nulla a che vedere con la battuta di Silvio, of course!



venerdì 31 ottobre 2008

Into the wild




Dedicato agli amici di Globetrotter!
Il film mi ha molto emozionato:fotografia e colonna sonora sono spettacolari!
Ora mi attende la lettura del libro...


“Andai nei boschi perché desideravo vivere con saggezza, per affrontare solo i fatti essenziali della vita, e per vedere se non fossi capace di imparare quanto essa aveva da insegnarmi, e per non scoprire, in punto di morte, che non ero vissuto. Non volevo vivere quella che non era una vita, a meno che non fosse assolutamente necessario. Volevo vivere profondamente e succhiare tutto il midollo di essa, vivere da gagliardo spartano, tanto da distruggere tutto ciò che non fosse vita, falciare ampio e raso terra e mettere poi la vita in un angolo, ridotta ai suoi termini più semplici”
H. D. Thoreau – “Walden, ovvero la vita nei boschi”

Walden ha costituito anche un riferimento letterario per il film "Into the Wild" di Sean Penn.
Viene infatti citata la frase,tratta da questo libro: "Non l'amore, non i soldi, non la fede, non la fama, non la giustizia...datemi solo la Verità".

mercoledì 29 ottobre 2008

Terrestri cannibali

Oggi il Living Planet Report 2008 viene lanciato a livello mondiale dal WWF, con la partecipazione della Società Zoologica di Londra e il Global Footprint Network.
Non confortanti le conclusioni della ricerca, secondo la quale i nostri consumi attuali superano di un terzo le risorse esistenti. Di questo passo verso l’anno 2035 potremmo essere costretti ad emigrare su altri pianeti, per poter condurre lo stesso stile di vita.
In una parola stiamo cannibalizzando la Terra...peggioriamo di anno in anno.
Vi starete chiedendo, in quest’ambito come si comporta l’Italia?
Male, malissimo: i nostri consumi si attestano sul quadruplo delle risorse necessarie. Per l’uso dell’acqua siamo addirittura spreconi: il quarto maggior consumatore globale dietro Stati Uniti, Grecia e Malesia!
Vi invito a dare un’occhiata al sito del WWF per maggiore consapevolezza:
http://www.wwf.it
Grazie Globetrotters!

martedì 21 ottobre 2008

Message in a bottle...



"Anche quando credi di cadere in un burrone, c’è sempre qualcuno pronto a prenderti al volo!" J.D. SALINGER "Il giovane Holden"

domenica 19 ottobre 2008

In corsa per l'Oscar...



Chiude in bellezza “Bergamo Scienza, con la conferenza-evento di Oscar Pistorius e del Prof. Hugh Herr del Media Lab del M.I.T. di Boston, introdotti dal giornalista Gianni Merlo, sul tema della tecnologia al servizio dei diversamente abili.
Per Herr il sogno del futuro è eliminare il divario tra le protesi e la parte biologica, ovvero poter donare la sensibilità fisica anche ai non- normodotati.
Sarà interessante sentire la terra sotto ai miei piedi, scherza Pistorius…
La prossima sfida è il “Power Running”, arrivare a far correre questi atleti allo stesso livello, o anche superiore, dei normodotati. Il limite da considerare è che gli ausili robotici del futuro non avvantaggino chi li indossa.
Oggi una protesi passiva sofisticata, in fibra di carbonio e collegata al sistema nervoso del suo ospite, costa circa 25.000 dollari americani e la sua durata è in media di 3-5 anni.
Dunque non fruibile dalla maggior parte dei paralitici e delle vittime di incidenti, di azioni di guerra o di mine anti-uomo.
Gli studi di Herr finora sono stati finanziati dal governo e dalla sezione medica dell’esercito e in parte da aziende del settore.
Ci sono però grandi speranze che la ricerca possa “correre a tempo di record” nei prossimi 20 anni per estendere le applicazioni dagli sportivi alle persone comuni, rendendo le protesi “disponibili a tutti anche dal lato economico”.
Oscar è diventato un ‘icona dei nostri tempi per le sue vicende sportive e personali che tutti conosciamo. Io ho voluto vederlo da vicino per rendermi conto. Ebbene lui è esattamente quello che appare:un giovane ragazzo dal sorriso contagioso, con una invidiabile gioia di vivere e il desiderio di aiutare gli altri.
Parla del suo progetto di allestire un laboratorio su ruote, itinerante, per portare protesi, ad un costo accessibile, al maggior numero di persone, nelle terre africane più colpite come il Mozambico e l’Angola.
Ci svela le sue marachelle di bimbo, il suo rifiuto dell’atletica che lo portava persino a falsificare la firma dei genitori per evitarne le lezioni a vantaggio del rugby, le sue nuove sfide con le ragazze…
Insomma dopo l’Homo erectus abbiamo scoperto anche un Homo ironicus!
Grazie Oscar, per averci aperto gli occhi e per indicarci il cammino: sarà impossibile dimenticare questa giornata…

mercoledì 15 ottobre 2008

Povertà 2.0

Le statistiche parlano chiaro:l’indigenza è un male ancora troppo moderno.
Il 50% delle famiglie più misere detiene solo il 10% della ricchezza globale, mentre è il 10% di quelle più agiate a possederne la metà.
I tempi sono cambiati, le aspettative di vita sono notevolmente allungate eppure, in maniera speculare, incalza il progresso della povertà che sembra inarrestabile.
Fino ad oggi molte “voci” importanti si sono mobilitate sulla scena internazionale per trovare un antidoto efficace e duraturo.
L’attuale crisi economica, che il mondo soffre e subisce, sta ridisegnando la distribuzione delle risorse naturali e accentuando le disuguaglianze in maniera esponenziale.
Nuove forme di povertà e nuovi bisogni ammorbano il pianeta come una pandemia, senza grandi distinzioni tra settentrione e meridione.
Stanno nascendo e crescendo i poveri a tasso variabile...famiglie normali che ormai fanno fatica ad arrivare alla terza settimana del mese.
Allora mi chiedo:quale contributo puoi dare “tu”, piccolo o grande,uomo della Internet-Generation?
Einstein sosteneva che l’immaginazione è più importante del sapere.
Mi sento di condividerlo.
1) Immagina un mondo migliore!
2) Trova applicazioni pratiche nel tuo vivere quotidiano e alla tua portata
3) Diffondi le tue idee nei tuoi networks
4) Difendi il tuo diritto ad essere controcorrente
5) Risveglia il senso critico nascosto in te
6) Confrontati con persone, paesi, metodi e soluzioni diversi
7) Usa il tam tam virtuale come un grande universale S.O.S.
Chi scrive, come te, non ha ricette miracolose ma crede nella potenza della capacità creativa e nell’impegno dei singoli.
Sogna un futuro di economia collaborativa dove siano sovrani pro-attività, innovazione, sviluppo sociale e integrazione culturale.
Qualcuno, non sbagliando, l’ha definita “economia della felicità”.
Nel magma filosofico di intuizioni creative e soluzioni di questi ultimi anni, sento di appoggiarne alcune, tra le più concrete e verificabili:
- Microcredito
- Piattaforme virtuali come incubatori sociali di neo imprese e cooperative
- Commercio equo solidale
- Investimenti sul capitale umano del Parlamento Europeo dei Giovani
- Biotecnologie
- Politiche agricole locali e mirate nei Paesi del Terzo Mondo
- Diritto all’istruzione anche tramite open sources
- Potenziamento di Ricerca e sviluppo (come da Trattato di Lisbona)
Recentemente ho incontrato Monty Jones, vincitore del World Food Prize nel 2004 per aver creato NERICA, un nuovo tipo di riso resistente per l’Africa.
Un sognatore incallito che è riuscito a realizzare il progetto di sfamare, almeno in parte, il proprio paese.



lunedì 13 ottobre 2008

martedì 7 ottobre 2008

Join us:let's make the Difference!


Il 15 Ottobre 2008 unisci le tue forze per dire la tua sulla povertà nel mondo!
Cambia la conversazione, perchè i piccoli passi portano lontano...
Serena fine giornata

Un distretto ecologico


Il X Tuscolano in prima linea nella lotta alla raccolta “indifferenziata”!
La nuova serie della popolare fiction, “Distretto di Polizia”, dimostra un alto senso civico, non perdendo occasione per ricordarci l’impegno a ridurre i nostri rifiuti domestici e a trattarli correttamente.
Un plauso agli sceneggiatori che hanno voluto impegnarsi in questa battaglia sul piano ambientale.
E complimenti a Marco Marzocca, alias Ugo Lombardi, novello paladino delle “forze di pulizia”!

lunedì 6 ottobre 2008

Bergamo Scienza







Alla 6° edizione “Bergamo Scienza” offre, fino al 19 Ottobre, una ampia panoramica di mostre e convegni che spaziano dall’astrofisica alla bio-chimica, dalla matematica alla medicina, dalle tecnologie compatibili all’arte e letteratura.
Nelle intenzioni degli ideatori: allestire nell’agorà “lo spettacolo della scienza” fruibile per tutti, con risposte alle emergenze e alle sfide del nuovo millennio, senza tralasciarne gli aspetti etici e sociali.
Sul palco si alterneranno esperti di fama mondiale a confronto con l’uomo della strada e, soprattutto, con i giovani scienziati di domani, che speriamo seguano molteplici queste orme.
Un messaggio di speranza per un mondo affannato e impazzito, in pericolosa rotta di collisione...
Presidente onorario del comitato scientifico è Rita Levi Montalcini che ha aperto i lavori in streaming.
“Globetrotter“ vi offre alcune immagini live dalle serate introduttive di questo imperdibile evento.
Tra gli ospiti già intervenuti: Marcello Coradini dell’Agenzia Spaziale Europea, il comandante Luciano Garofano dei Ris di Parma, il logico-matematico Piergiorgio Odifreddi, accompagnati dai simpatizzanti di Striscia la Notizia e da alcuni comici di Zelig.

INFO: www.bergamoscienza.it info@bergamoscienza.it tel: 035 - 221 581
Evento in corso : dal 3 al 19 ottobre 2008

venerdì 3 ottobre 2008

Web 2.0: “De avatar dignitate”



Una "Second life" per il museo

Credits: http://www.flickr.com/photos/knoizki/



“Rinascimento Virtuale”, è il titolo della mostra in allestimento al museo di Storia Naturale dell’università di Firenze, dal 21 ottobre 2008 al 7 gennaio 2009.
Unica nel suo genere, si propone di far conoscere dal vivo le espressioni artistiche di 150 creatori d’arte internazionali, già presenti con 1200 opere nel microcosmo digitale di 2ndLIFE e in vari Social media.
Come spiega il curatore, Mario Gerosa, “l'iniziativa, inserita all'interno del Festival della Creatività 2008, si prefigge l'obiettivo di creare un contrasto culturale tra l'etnografia, l'antropologia e le testimonianze creative preistoriche, con le avanguardie artistiche contemporanee che nascono e vivono solo nei Social Media”.
"Per parlare di arte in Second Life bisogna avere uno spirito pionieristico e anche una buona dose di coraggio - dichiara l'ideatore, giornalista e autore di vari libri sui mondi virtuali nonchè fondatore di Synthravels, la prima agenzia di viaggi per tour negli universi sintetici - si tratta di un'arte che non è ancora stata legittimata, che non è entrata ancora nei canali ufficiali della cultura alta".

dal 21 ottobre 2008 al 7 gennaio 2009
Museo di storia naturale - Università di Firenze
Sezione di Antropologia e Etnologia- Palazzo Nonfinito
Via del Proconsolo, 12 – Firenze

lunedì 22 settembre 2008

Nuovi orizzonti


Un buon sestante, un orologio affidabile, una copia delle effemeridi e una bella serata senza nuvole, sono tutto ciò che serve per raggiungere qualsiasi punto della Terra.

I had a dream...


Del sogno della notte appena trascorsa ho solo un vago ricordo, quel che permane però sono sensazioni di benessere e di euforia.
Sarà merito del profumatore all’essenza di rosa che da un po’ allieta l’armadio della camera da letto?
Proprio stamattina leggo che al policlinico di Mannheim in Germania si è scoperto che gli odori quotidiani sembrano influenzare la nostra fase Rem.
Aromi e fragranze soft come la rosa, ma io aggiungo anche la lavanda, spruzzate sul cuscino o vicino al letto, aprono le porte ai sogni più belli.

Karaoke Trendy

New York, the city which never sleeps, stupisce una volta di più.
Sembra che abbiano aperto un popolare karaoke sottomarino nel Hudson Canyon, nella baia della Grande Mela.
Là sotto lo skyline più imbarazzante del mondo, i maschi delle megattere si sfidano a colpi di suoni ripetitivi usati per il corteggiamento e la tutela del proprio territorio.
Durante la migrazione alcuni canti sono stati registrati dai biologi marini, novelli megatto-buster.
I megatti hanno già all'attivo un bel disco d’oro: nientepopodimenochè quello del Voyager che porta il loro canto nello spazio insieme ai suoni della Terra.
Penso che questa sera farò una pausa relax col CD dei delfini.
Magari tra essenza di rosa e canzoni dei cetacei, sogno che, nonostante tutto, la vita è bella.

Fonte: ANSA

giovedì 18 settembre 2008

Green Memo

Ricevo e volentieri pubblico questo memo da inserire in calce ai nostri messaggi quotidiani:

Antes de imprimir este e-mail piense bien si es necesario hacerlo. ¡El medioambiente es cosa de todos!
Abans d’imprimir aquest correu penseu si cal fer-ho: El medi ambient és cosa de tots!
Before printing this e-mail consider if it is truly necessary. The environment is everyone’s responsibility!
Ist es wirklich notwendig, diese Nachricht auszudrucken? Umweltschutz geht uns alle an!
Avant d’imprimer ce courriel, demandez-vous si c’est utile de le faire. L’environnement est l’affaire de tous !
قبل أن تقوم بطباعة هذه الرسالة الإلكترونية فكر جيدا فيما إذا كان ذلك ضروريا. فالمحيط مسألة تهم الجميع!


Un gesto che non costa nulla e qualche effetto lo ottiene:provare per credere!

mercoledì 17 settembre 2008

Webtv Europea

Wow, udite, udite, eccezionale parto gemellare,oggi:
il mio blog e la prima webtv del parlamento europeo! Sono commossa...

http://www.europarltv.europa.eu/
Tra i 4 canali proposti ,segnalo “Europa giovane” offerto in ben 20 lingue.

LINK: http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/daassociare/visualizza_new.html_762490316.html

Buona serata viandanti

Clean air for all!


Anno 0 - numero 0




ECOSOSTENIBILITA

È iniziata la “Mobility week” che si svolgerà dal 16 al 22 settembre in molte città d’Europa.
La campagna di quest’anno, dal titolo emblematico “Aria pulita per tutti”, mira a sensibilizzare la popolazione su uno dei temi più dibattuti degli ultimi anni.
Il target è ovviamente l’emissione zero di gas serra assunti come impegno dai paesi industrializzati dalla ratifica del protocollo di Kyoto, entrato in vigore il 16 febbraio 2005.
Entro il 2012 infatti andranno ridotte le quote di CO2 del 5,2% rispetto all’anno 1990.
Qui potete vedere la lista dei paesi aderenti alla settimana del trasporto eco-sostenibile: http://www.mobilityweek.eu/cities/participants_en.php?page=article
Sono solo trentuno le province italiane partecipanti ...contro le 179 di Francia, le 317 di Spagna e le 378 dell’Austria, tanto per confrontarci con alcune nazioni vicine!

Per saperne di più:
http://www.mobilityweek.eu/